"Misteriosa Venessia d'inverno" foto di Aldo"venezziamente" da http://venezziamente.blogspot.com trattata in photoshop da

da vedere...leggere e riflettere, assolutamente !!

da vedere...leggere e riflettere, assolutamente !!
Da vedere...leggere e riflettere, assolutamente!! tutti i diritti riservati al blog Blu Oscar... clik su immagine...questa è solo una promozione del suo spazio web ...

foto by Nino Barbieri... http://it.wikipedia.org/wiki/Leone_di_san_Marco

« Leone di San Marco, leone del profeta,

ad est di Creta corre il tuo vangelo.

Si staglia contro il cielo il tuo simbolo strano:

la spada e non il libro hai nella mano. »

(Francesco Guccini, Asia)


Il leone marciano a protezione in una raffigurazione del 1651.

un libro, un ponte..."libro abbandonato a Ca' Foscari" foto di Fausto Maroder di Alloggi Barbari

un libro, un ponte..."libro abbandonato a Ca' Foscari" foto di Fausto Maroder di Alloggi Barbari
Un libro è sempre un ponte che ci permette di attraversare il vuoto e raggiungere cio che non conosciamo...e un ponte di Venezia è sempre un libro aperto su parole antiche per impararne le sue lingue più segrete..., parole e itinerari, conoscenza e spazio...

domingo, 31 de julio de 2011

Pre arcano...il labirinto e l'isolario

Arcano 00...

Si intuisce la città e poi si traccia un profilo primario,
il folle sogna di diventare un mago che riesca a decifrare
la citta dei suoi sogni e che follemente pensa di conoscere e dominare,
è certamente un invasato...un Incurabile !



Nella Imagine, il Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna
editato da Aldo Manuzio nel 1499.

Hypnerotomachia Poliphili, ubi humana
omnia non nisi somnium esse docet. Atque
obiter plurima scitu sane quam digna
commemora



E poi...un'altro gioiello ...se di matti sognatori e labirinti si parla...


Carta di Venezia, Chart of Venice by Benedetto Bordone (1460–1531)



Isolario Di Benedetto Bordone Nel Qval Si Ragiona Di Tvtte Le Isole Del mondo, con li lor nomi antichi & moderni, historie, fauole, & modi del loro viuere, & in qual parte del mare stanno, & in qual parallelo & clima giaciono. Con la gionta del Monte del Oro nouamente ritrouato. Con il breve del papa et gratia & priuilegio della illustrissima Signoria di Venetia come in quelli appare.





continua da sopra ...patere

Patere e allegorie....

patere e allegorie

patere e allegorie
patera bizantina fotografata da Fausto Maroder di "Alloggi Barbaria" ...(trattata al photoshop da Lupo Sombra )... cliccare sulla foto per saperne di più ...grazie a messer Fausto ( http://alloggibarbaria.blogspot.com/2009/08/patere.html )

Il silenzio degli ornamenti

Un'icona, come il dito che indica la Luna, è un semplice mezzo per giungere al simboleggiato, che è il fine. Se poi si dimentica la natura illusoria dell'immagine, identificandola con la persona o, in altre parole, si scambia la realtà con il suo riflesso, si precipita nell'idolatria, l'errore di colui che, dimentico della materialità dell'opera d'arte le conferisce una vita propria. Le patere veneziane, applicate sopra o ai fianchi delle polifore, assolvevano alla stessa funzione apotropaica delle maschere o dei fantocci appesi fra le colonne dei templi greci: proteggere, come un amuleto, la dimora laddove si apre all'esterno. È attraverso una finestra o un'apertura infatti che penetrano gli influssi maligni. La patera, con i suoi arcaici rilievi, ristabilisce l'ideale continuità del tessuto murario e protegge dal diabolico che, dis-unendo, si manifesta proprio nel vuoto.

patera pseudo bizantina

patera pseudo bizantina
foto di Walter Fano da L'altra Venezia Per scoprire una Venezia diversa : www.laltravenezia.it

La patera in questione si trova su una parete esterna della Villa Herriot alla Giudecca.

Due parole sulla Villa in questione:

A partire dagli inizi del XX secolo, molti stranieri facoltosi scelgono di fare di Venezia la loro seconda dimora, sfruttando terreni spesso occupati da edifici dismessi nei secoli precedenti: è questo il caso del francese Herriot, che, dopo aver acquistato il terreno di una ex saponeria alla Giudecca, vi fa costruire, su progetto di Raffaele Mainella, due strutture di villa dall'architettura eclettica e con copiosi elementi decorativi come patere, formelle, colonnine e altri motivi bizantineggianti.

Nel 1947 la moglie di Herriot, dopo la morte del marito, cede il complesso di Villa Herriot al comune, lasciando allegata all'atto di vendita la volontà che esso sia adibito a scuola pubblica: l'edificio dunque diventa la scuola elementare Carlo Goldoni.

Attualmente, però, anche la scuola è stata chiusa e Villa Heriott è sede della Casa della memoria del Novecento veneziano (http://iveser.it)


photo by "my book style" http://www.mybookstyle.com

un Paggio bello come un Angelo

un Paggio bello come un Angelo
foto di Emilia del blog Venezia

porte verso altri mondi...

porte verso altri mondi...
photo : Zen